Aggia tucca ‘o fondo

Aggia tucca ‘o fondo,
aggia sentì tutt’a mmerda
ca me copre
pe’ capì o schifo p’asci fore
ma dint’e viscere sent nata cosa
dint’o core dint’o cerviello
sent nata cosa
Me pozzo sbaglià accussì?
Si t’o dice ‘o core pozzo capì
se sta sbaglianno nun è affidabile
Ma si t’o diceno ‘e vviscere
si t’o ddice ‘ cerviello
nun po essere coccosa nun funziona.
Perduto allucinato comme drogato
raggiono senza capì senza putè vede
Vulesse parlà vulesse capì
ma manco chesto pozzo fa
E ‘ raggia saglie, saglie
Te prende t’arravoglia te scumbina
e allora nu dolore forte ‘mpietto
ca nun sai capì
Fossa ‘a maronna
rumanesse ncoppa ‘a sta seggia
e vafammocca a tutt quante
Aggia puntato e aggio perso.
E nun me do pace nun me pozzo da pace.
Nun me voglio da pace.
E o dulore ‘o saccio è sulo o mio
nun se pozza spezza, nun se po’ dividere
e mò piglio, mo tengo
m’’o vveco je sulo
Ma nisciuno me po’ dicere e nun allucca
e nun chiagnere e che dè manco se po’ chiagnere?
Pecchè si n’ommo
e allora? N’ommo nun po’ chiagnere?
Fosse a Ddio ca essa sapesse chiagnere!
Sbatto ‘a capa dint’a nu pensiero
E nisciuno m’’a leva a dint’’o cerviello
pechhè nu piezzo se ne ghiuto
apriessa a essa.
Senza manco me guardà ‘nfaccia
Seduta ‘ncoppa a tazza d’o cesso
Cu na sigaretta ‘mocca
Senza aiza l’uocchie
Doie parole dint’a na sfaccima e’ mail
E che songo nu cane!
N’assassino!
Vulesse nu poco è civiltà
Chi te cunsiglia? Chi t’’o ddice e fa accussi
Nun può essere tu
Tu si nata cosa ‘o saccio
Nun me sbaglio.
Aggio sbagliato forse, sicuramente
Ma te l’aggio ditto
Mai na’ vota ca m’a’ confessato
mo stavota aggio sbagliato je
E che sango d’a marina
Quali so’ sti ppaure ca te fanno vuttà a mmare
ogne piccolo piezzo e felicità?
Quale peccato ‘e ‘a pava
Quale colpa avimma pava.
E parlo, parlo continuo a parlà
Je sulo comme ‘a nu scemo
Ittato comme na mappina
Aggia tucca ‘o fondo.

21/01/2009
Angelo Tomasetta

Questa voce è stata pubblicata in POESIE OSPITI, Tomasetta Angelo. Contrassegna il permalink.