N’ommo ‘ncoppa ‘o puntone

N’ommo ‘ncoppa ‘o puntone  d’a strada
S’agita, aiza ‘e braccia punta ‘o dito
Allucca se gira è torna a puntà ‘o dito.
Sbraitanno, sbratinanno cammina
‘nnanze e areto  senza e se ferma.
Uh Gesù, e cu chi ll’ave
Cu chi sa sta piglianno?
Mamma mia bella, sta parlanno sul’isso
… Gesù , chillo è proprio scemo…
Areta a st’ommo n’ato ommo
Pare ca sta parlanno anche lui da solo..
… Mamma do Carmine !!!!
Addò so capitato!!!
Ahhh menu male …
sta parlanno co’ cellulare
…. Allucca, punta ‘o dito , sbraita e cammina…
…. Ma chi è ‘o scemo e tutte e ddoie ?
Forse ‘o primmo s’o bbere sul’isso
Allucca si, ma nun fa male a nisciuno.
Forse… nuie… chille normale…
Facimmo danne pensammo ‘e essere intelligenti
N’ce sciacquamma ‘a vocca ca finanza,
e sorde, e mmachhine, cu ‘o llatino
e puro cu ‘o greco  e nun sapimme
ca puro nuie alluccammo, puntammo ‘o dito
sbarianno annante e areto senza sapè
penzanno ‘e sapè senza guardà
scavalcanno na mana tesa
Passando ‘ncoppa a na persona
Pecchè tene a pelle e nato culore.
In momine Dio tiramma nu spaghetto
‘e nu zaino e partimmo pe na crociata
Parlammo cu e bombe intelligente ca evidentemente
Nun ce capiscano e accirono chi vonno lloro.
Chi è ‘o scemo e tutte e ddoie?
Pe na’ neve can nun se squaglia
Pigliammo ‘o revorvere pure a quindici anne
Acirimmo e c’o pavano cento euro..
Nce guardammo dinto all’uocchie
E nun capimmo o rieste e niente
Nun sapimmo cchiu dicere ti amo
Bisogna correre, correre senza parla senza capì
Facenno finta e capì.
“dico sulo quello che penso”
Si ma nun piense a chello ca stai dicenno
A chi sto facenno male
E pecchè o sto facenno
Pecchè so intelligente, assaie…
Voglio essere scemo
Nun voglio sapè cchiu niente
Me so scucciate a essere intelligente!!!!

Angelo Tomasetta

Questa voce è stata pubblicata in POESIE OSPITI, Tomasetta Angelo. Contrassegna il permalink.