Accanimento inutile.

 

Accanimento inutile
Prendi un fegatino di pollo,
sottoponilo agli stimoli elettrici e magnetici
con cui crediamo di prolungare l’eterno,
nutrilo come si nutre
chi si rifiuta di svegliarsi;
  

lo vedrai pulsare.
  

Non per questo possiamo dire
che il fegatino è vivo.
Non per questo possiamo chiamarlo
Eluana.
  

Giovanni Melchiorre

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Melchiorre Giovanni, POESIE OSPITI. Contrassegna il permalink.