Archivio della Categoria 'POESIE OSPITI'

Un uomo

Giovedì 12 Marzo 2009

Un uomo fa… quello ch dice
una donna dice… quello che sente
a gesto sincero
cuore non mente!

Mauroe Escher

Età

Martedì 10 Marzo 2009

 
I ricordi dei vecchi
sono lenzuola lasciate appese
sopra sedie di pioggia
versata nei calici
fumosi e dispari,
nelle strade senza numeri
tra i mercati scomparsi.
i ricordi di loro
comprano desideri
e li avvolgono sparsi
in scatole graziose,
con fiocchi di fumo rossi,
tra sospiri di carta,
e li pagano con gli occhi
immensi ed immersi
tra oceani ed anni.
Le loro mani stanche
salutano e maledicono
frontiere
le loro anche
stettero sul cammino
dei domani
e sono il ieri
di tutti i sentieri .

Stefano Ceccarelli Santa Marta 2009

Fuori me nasce luce

Martedì 10 Marzo 2009

 

poi di nuovo nasco io
cerco un dio
dentro nuvole spezzate
tu sei con me
muovi le mani
vaghi con gli occhi
in questo nuovo domani

So cos’è questo rumore
che arriva dal mare
è la voce di un solo sospiro
tu sei con me
occhi di pioggia
dove si appoggia il tuo respiro
non so cos’è questa tempesta
nella mia testa…
chi sarà? che vorra?

… adesso passa.

Stefano Ceccarelli

Quello che sai

Lunedì 9 Marzo 2009

cogliendolo (il sorriso) tra gli eventi
non lasci che speranze e vibrazioni
lascino il mondo tuo e il tutt’intorno
facendo scivolare i gesti in pesi
che vogliono dissolvere i colori
 

invece il tuo crearti ininterrotto
è il seme partoriente che sprigiona
il tuo saperlo che ogni risveglio
ha in cuore la certezza che rinnova
l’amore tuo per te (nel tuo sorriso)

 

Francesco Sicilia

Il tronco

Mercoledì 25 Febbraio 2009

Il tronco

 

La mia anima brucia
Mescolando I colori

Che

Ballando sopra la tua fiducia
Mostrano I miei dolori

-o-

Osservami senza alimentare
Toccami con molto rispetto

Che

Pur continuando a bruciare
Si inchinano al tuo cospetto

-o-

Il mio pensiero diventa fumo
Muovendosi come una marionetta

Che

Malgrado non ti piaccia il profumo
Mostra attimi senza fretta

-o-

Ora mi spengo lentamente
Come l’anima di un pensiero

Che

Indelebile nella mente
Scrive rispetto con carbone ardente

Escher Mauro

Ricorda

Martedì 24 Febbraio 2009

Ricorda
 
Ricorda
ricorda
ricorda,
perché
labile è la memoria.
 
Ricorda,
perché nessuno possa
dire mai
io non c’ero,
in nome
di un ancor più obliante
noi, non c’eravamo
 
PER NON DIMENTICARE DI RICORDARE, MAI

Maria Cristina Nascosi Sandri, per il 27 gennaio 2009

Accanimento inutile.

Martedì 24 Febbraio 2009
 

Accanimento inutile
Prendi un fegatino di pollo,
sottoponilo agli stimoli elettrici e magnetici
con cui crediamo di prolungare l’eterno,
nutrilo come si nutre
chi si rifiuta di svegliarsi;
  

lo vedrai pulsare.
  

Non per questo possiamo dire
che il fegatino è vivo.
Non per questo possiamo chiamarlo
Eluana.
  

Giovanni Melchiorre

 

 

 

Un bimbo a Trieste

Martedì 24 Febbraio 2009

Un bimbo a Trieste
Che regalo
tu
batuffolo d’uomo
abbarbicato
alla mia gonna
stretto per un attimo
alla mia vita.
Dolcezza sempre
di un bimbo mai mio

Maria Cristina Nascosi Sandri

Aggia tucca ‘o fondo

Giovedì 29 Gennaio 2009

Aggia tucca ‘o fondo,
aggia sentì tutt’a mmerda
ca me copre
pe’ capì o schifo p’asci fore
ma dint’e viscere sent nata cosa
dint’o core dint’o cerviello
sent nata cosa
Me pozzo sbaglià accussì?
Si t’o dice ‘o core pozzo capì
se sta sbaglianno nun è affidabile
Ma si t’o diceno ‘e vviscere
si t’o ddice ‘ cerviello
nun po essere coccosa nun funziona.
Perduto allucinato comme drogato
raggiono senza capì senza putè vede
Vulesse parlà vulesse capì
ma manco chesto pozzo fa
E ‘ raggia saglie, saglie
Te prende t’arravoglia te scumbina
e allora nu dolore forte ‘mpietto
ca nun sai capì
Fossa ‘a maronna
rumanesse ncoppa ‘a sta seggia
e vafammocca a tutt quante
Aggia puntato e aggio perso.
E nun me do pace nun me pozzo da pace.
Nun me voglio da pace.
E o dulore ‘o saccio è sulo o mio
nun se pozza spezza, nun se po’ dividere
e mò piglio, mo tengo
m’’o vveco je sulo
Ma nisciuno me po’ dicere e nun allucca
e nun chiagnere e che dè manco se po’ chiagnere?
Pecchè si n’ommo
e allora? N’ommo nun po’ chiagnere?
Fosse a Ddio ca essa sapesse chiagnere!
Sbatto ‘a capa dint’a nu pensiero
E nisciuno m’’a leva a dint’’o cerviello
pechhè nu piezzo se ne ghiuto
apriessa a essa.
Senza manco me guardà ‘nfaccia
Seduta ‘ncoppa a tazza d’o cesso
Cu na sigaretta ‘mocca
Senza aiza l’uocchie
Doie parole dint’a na sfaccima e’ mail
E che songo nu cane!
N’assassino!
Vulesse nu poco è civiltà
Chi te cunsiglia? Chi t’’o ddice e fa accussi
Nun può essere tu
Tu si nata cosa ‘o saccio
Nun me sbaglio.
Aggio sbagliato forse, sicuramente
Ma te l’aggio ditto
Mai na’ vota ca m’a’ confessato
mo stavota aggio sbagliato je
E che sango d’a marina
Quali so’ sti ppaure ca te fanno vuttà a mmare
ogne piccolo piezzo e felicità?
Quale peccato ‘e ‘a pava
Quale colpa avimma pava.
E parlo, parlo continuo a parlà
Je sulo comme ‘a nu scemo
Ittato comme na mappina
Aggia tucca ‘o fondo.

21/01/2009
Angelo Tomasetta

Guardanno na’ fenesta

Giovedì 29 Gennaio 2009

Guardanno na’ fenesta
Veco o film do’ cielo ca passa.
Na nuvola, na capa, na’animale,
nu core nu pensiero.
Cagna sta pellicula mo è a culore
Mo è jianca e nera.
All’intrasatta se fa scuro
Se chiure se ‘nzerra
E nu raggio e luce nun passa.
Nun po’ passa
Adda aspetta.

 

Angelo Tomasetta