Archivio della Categoria 'Tomasetta Angelo'

Aggia tucca ‘o fondo

Giovedì 29 Gennaio 2009

Aggia tucca ‘o fondo,
aggia sentì tutt’a mmerda
ca me copre
pe’ capì o schifo p’asci fore
ma dint’e viscere sent nata cosa
dint’o core dint’o cerviello
sent nata cosa
Me pozzo sbaglià accussì?
Si t’o dice ‘o core pozzo capì
se sta sbaglianno nun è affidabile
Ma si t’o diceno ‘e vviscere
si t’o ddice ‘ cerviello
nun po essere coccosa nun funziona.
Perduto allucinato comme drogato
raggiono senza capì senza putè vede
Vulesse parlà vulesse capì
ma manco chesto pozzo fa
E ‘ raggia saglie, saglie
Te prende t’arravoglia te scumbina
e allora nu dolore forte ‘mpietto
ca nun sai capì
Fossa ‘a maronna
rumanesse ncoppa ‘a sta seggia
e vafammocca a tutt quante
Aggia puntato e aggio perso.
E nun me do pace nun me pozzo da pace.
Nun me voglio da pace.
E o dulore ‘o saccio è sulo o mio
nun se pozza spezza, nun se po’ dividere
e mò piglio, mo tengo
m’’o vveco je sulo
Ma nisciuno me po’ dicere e nun allucca
e nun chiagnere e che dè manco se po’ chiagnere?
Pecchè si n’ommo
e allora? N’ommo nun po’ chiagnere?
Fosse a Ddio ca essa sapesse chiagnere!
Sbatto ‘a capa dint’a nu pensiero
E nisciuno m’’a leva a dint’’o cerviello
pechhè nu piezzo se ne ghiuto
apriessa a essa.
Senza manco me guardà ‘nfaccia
Seduta ‘ncoppa a tazza d’o cesso
Cu na sigaretta ‘mocca
Senza aiza l’uocchie
Doie parole dint’a na sfaccima e’ mail
E che songo nu cane!
N’assassino!
Vulesse nu poco è civiltà
Chi te cunsiglia? Chi t’’o ddice e fa accussi
Nun può essere tu
Tu si nata cosa ‘o saccio
Nun me sbaglio.
Aggio sbagliato forse, sicuramente
Ma te l’aggio ditto
Mai na’ vota ca m’a’ confessato
mo stavota aggio sbagliato je
E che sango d’a marina
Quali so’ sti ppaure ca te fanno vuttà a mmare
ogne piccolo piezzo e felicità?
Quale peccato ‘e ‘a pava
Quale colpa avimma pava.
E parlo, parlo continuo a parlà
Je sulo comme ‘a nu scemo
Ittato comme na mappina
Aggia tucca ‘o fondo.

21/01/2009
Angelo Tomasetta

Guardanno na’ fenesta

Giovedì 29 Gennaio 2009

Guardanno na’ fenesta
Veco o film do’ cielo ca passa.
Na nuvola, na capa, na’animale,
nu core nu pensiero.
Cagna sta pellicula mo è a culore
Mo è jianca e nera.
All’intrasatta se fa scuro
Se chiure se ‘nzerra
E nu raggio e luce nun passa.
Nun po’ passa
Adda aspetta.

 

Angelo Tomasetta

Nu’ materasso ‘nterra?

Giovedì 29 Gennaio 2009

Nu’ materasso ‘nterra?
E  che ffa je m’addormo a nata parte.
M’addormo dinto a nu pensiero
Vicina ‘a nu sguardo
Accanto a na vocca
E chillu materasso ‘nterra
Nun ce sta cchiu
E chi la ritto ca ce dormo malamente?
O po dicere chi nun te cunosce Marì
Ma je che te saccio e te cunosco overamente
‘nchiuro l’uocchie e m’addormo accanto a te
Angelo Tomasetta

N’ommo ‘ncoppa ‘o puntone

Giovedì 29 Gennaio 2009

N’ommo ‘ncoppa ‘o puntone  d’a strada
S’agita, aiza ‘e braccia punta ‘o dito
Allucca se gira è torna a puntà ‘o dito.
Sbraitanno, sbratinanno cammina
‘nnanze e areto  senza e se ferma.
Uh Gesù, e cu chi ll’ave
Cu chi sa sta piglianno?
Mamma mia bella, sta parlanno sul’isso
… Gesù , chillo è proprio scemo…
Areta a st’ommo n’ato ommo
Pare ca sta parlanno anche lui da solo..
… Mamma do Carmine !!!!
Addò so capitato!!!
Ahhh menu male …
sta parlanno co’ cellulare
…. Allucca, punta ‘o dito , sbraita e cammina…
…. Ma chi è ‘o scemo e tutte e ddoie ?
Forse ‘o primmo s’o bbere sul’isso
Allucca si, ma nun fa male a nisciuno.
Forse… nuie… chille normale…
Facimmo danne pensammo ‘e essere intelligenti
N’ce sciacquamma ‘a vocca ca finanza,
e sorde, e mmachhine, cu ‘o llatino
e puro cu ‘o greco  e nun sapimme
ca puro nuie alluccammo, puntammo ‘o dito
sbarianno annante e areto senza sapè
penzanno ‘e sapè senza guardà
scavalcanno na mana tesa
Passando ‘ncoppa a na persona
Pecchè tene a pelle e nato culore.
In momine Dio tiramma nu spaghetto
‘e nu zaino e partimmo pe na crociata
Parlammo cu e bombe intelligente ca evidentemente
Nun ce capiscano e accirono chi vonno lloro.
Chi è ‘o scemo e tutte e ddoie?
Pe na’ neve can nun se squaglia
Pigliammo ‘o revorvere pure a quindici anne
Acirimmo e c’o pavano cento euro..
Nce guardammo dinto all’uocchie
E nun capimmo o rieste e niente
Nun sapimmo cchiu dicere ti amo
Bisogna correre, correre senza parla senza capì
Facenno finta e capì.
“dico sulo quello che penso”
Si ma nun piense a chello ca stai dicenno
A chi sto facenno male
E pecchè o sto facenno
Pecchè so intelligente, assaie…
Voglio essere scemo
Nun voglio sapè cchiu niente
Me so scucciate a essere intelligente!!!!

Angelo Tomasetta