Archivio di Gennaio 2009

Nel “Caleidoscopio” in onda alle ore 20.30 di sabato 31 gennaio

Sabato 31 Gennaio 2009
Nel “Caleidoscopio” in onda alle ore 20.30 di sabato 31 gennaio (replica ore 20,30 di martedì 3 febbraio) riproporrò un programma che metteva a confronto sei giovani autori la cui produzione era stata pubblicata nel dicembre 2006 dalla casa editrice “Animus et Anima”. Gli autori erano : Maria Luisa Pesce, Giuliano Manzo, Fulvio Fapanni, Rino Scarpa, Eduardo Cuoco e Francesco Sicilia. Nel corso della trasmissione, andata in onda l’8 settembre 2007, erano stati intervistati cinque dei sei autori.  

Per chi ha voglia di ascoltare/riascoltare le puntate di “Caleidoscopio”, sono disponibili nell’archivio di “Nuova Radio Pieve” le puntate dal 22 novembre, man mano saranno ovviamente aggiunte tutte quelle trasmesse. Per accedere ai file, cliccare su “Multimedia” e successivamente sulla cartella “Caleidoscopio”. 

(Andrea Bobbio) 

Nuova Radio Pieve - www.radiopnr.it (per l’ascolto cliccare su “Live”) 
 

FestArt

Venerdì 30 Gennaio 2009
Festival
FestArt
 

Presenta

Giovedi’ 12 febbraio ore 22
 

II° appuntamento  FestArteFestival  VII edizione

Rialtosantambrogio - via di S. Ambrogio, 4 – Roma

VORREI RACCONTARTI

UN’OPERA  Chiudi gli occhi e guarda’
 

Affreschi di parole
Video
Performance
che affrontano
in modo ironico
e provocatorio il sistema dell’Arte
la società
 

 

 

Vota la traccia audio- A mezzanotte estrazione dei 3 vincitori a cui verrà donata l’opera preferita autografa.

Party djset lasituazione
Omaggi dai media partner!

Non ti impigrire vieni a FestArte

Aggia tucca ‘o fondo

Giovedì 29 Gennaio 2009

Aggia tucca ‘o fondo,
aggia sentì tutt’a mmerda
ca me copre
pe’ capì o schifo p’asci fore
ma dint’e viscere sent nata cosa
dint’o core dint’o cerviello
sent nata cosa
Me pozzo sbaglià accussì?
Si t’o dice ‘o core pozzo capì
se sta sbaglianno nun è affidabile
Ma si t’o diceno ‘e vviscere
si t’o ddice ‘ cerviello
nun po essere coccosa nun funziona.
Perduto allucinato comme drogato
raggiono senza capì senza putè vede
Vulesse parlà vulesse capì
ma manco chesto pozzo fa
E ‘ raggia saglie, saglie
Te prende t’arravoglia te scumbina
e allora nu dolore forte ‘mpietto
ca nun sai capì
Fossa ‘a maronna
rumanesse ncoppa ‘a sta seggia
e vafammocca a tutt quante
Aggia puntato e aggio perso.
E nun me do pace nun me pozzo da pace.
Nun me voglio da pace.
E o dulore ‘o saccio è sulo o mio
nun se pozza spezza, nun se po’ dividere
e mò piglio, mo tengo
m’’o vveco je sulo
Ma nisciuno me po’ dicere e nun allucca
e nun chiagnere e che dè manco se po’ chiagnere?
Pecchè si n’ommo
e allora? N’ommo nun po’ chiagnere?
Fosse a Ddio ca essa sapesse chiagnere!
Sbatto ‘a capa dint’a nu pensiero
E nisciuno m’’a leva a dint’’o cerviello
pechhè nu piezzo se ne ghiuto
apriessa a essa.
Senza manco me guardà ‘nfaccia
Seduta ‘ncoppa a tazza d’o cesso
Cu na sigaretta ‘mocca
Senza aiza l’uocchie
Doie parole dint’a na sfaccima e’ mail
E che songo nu cane!
N’assassino!
Vulesse nu poco è civiltà
Chi te cunsiglia? Chi t’’o ddice e fa accussi
Nun può essere tu
Tu si nata cosa ‘o saccio
Nun me sbaglio.
Aggio sbagliato forse, sicuramente
Ma te l’aggio ditto
Mai na’ vota ca m’a’ confessato
mo stavota aggio sbagliato je
E che sango d’a marina
Quali so’ sti ppaure ca te fanno vuttà a mmare
ogne piccolo piezzo e felicità?
Quale peccato ‘e ‘a pava
Quale colpa avimma pava.
E parlo, parlo continuo a parlà
Je sulo comme ‘a nu scemo
Ittato comme na mappina
Aggia tucca ‘o fondo.

21/01/2009
Angelo Tomasetta

Guardanno na’ fenesta

Giovedì 29 Gennaio 2009

Guardanno na’ fenesta
Veco o film do’ cielo ca passa.
Na nuvola, na capa, na’animale,
nu core nu pensiero.
Cagna sta pellicula mo è a culore
Mo è jianca e nera.
All’intrasatta se fa scuro
Se chiure se ‘nzerra
E nu raggio e luce nun passa.
Nun po’ passa
Adda aspetta.

 

Angelo Tomasetta

Nu’ materasso ‘nterra?

Giovedì 29 Gennaio 2009

Nu’ materasso ‘nterra?
E  che ffa je m’addormo a nata parte.
M’addormo dinto a nu pensiero
Vicina ‘a nu sguardo
Accanto a na vocca
E chillu materasso ‘nterra
Nun ce sta cchiu
E chi la ritto ca ce dormo malamente?
O po dicere chi nun te cunosce Marì
Ma je che te saccio e te cunosco overamente
‘nchiuro l’uocchie e m’addormo accanto a te
Angelo Tomasetta

N’ommo ‘ncoppa ‘o puntone

Giovedì 29 Gennaio 2009

N’ommo ‘ncoppa ‘o puntone  d’a strada
S’agita, aiza ‘e braccia punta ‘o dito
Allucca se gira è torna a puntà ‘o dito.
Sbraitanno, sbratinanno cammina
‘nnanze e areto  senza e se ferma.
Uh Gesù, e cu chi ll’ave
Cu chi sa sta piglianno?
Mamma mia bella, sta parlanno sul’isso
… Gesù , chillo è proprio scemo…
Areta a st’ommo n’ato ommo
Pare ca sta parlanno anche lui da solo..
… Mamma do Carmine !!!!
Addò so capitato!!!
Ahhh menu male …
sta parlanno co’ cellulare
…. Allucca, punta ‘o dito , sbraita e cammina…
…. Ma chi è ‘o scemo e tutte e ddoie ?
Forse ‘o primmo s’o bbere sul’isso
Allucca si, ma nun fa male a nisciuno.
Forse… nuie… chille normale…
Facimmo danne pensammo ‘e essere intelligenti
N’ce sciacquamma ‘a vocca ca finanza,
e sorde, e mmachhine, cu ‘o llatino
e puro cu ‘o greco  e nun sapimme
ca puro nuie alluccammo, puntammo ‘o dito
sbarianno annante e areto senza sapè
penzanno ‘e sapè senza guardà
scavalcanno na mana tesa
Passando ‘ncoppa a na persona
Pecchè tene a pelle e nato culore.
In momine Dio tiramma nu spaghetto
‘e nu zaino e partimmo pe na crociata
Parlammo cu e bombe intelligente ca evidentemente
Nun ce capiscano e accirono chi vonno lloro.
Chi è ‘o scemo e tutte e ddoie?
Pe na’ neve can nun se squaglia
Pigliammo ‘o revorvere pure a quindici anne
Acirimmo e c’o pavano cento euro..
Nce guardammo dinto all’uocchie
E nun capimmo o rieste e niente
Nun sapimmo cchiu dicere ti amo
Bisogna correre, correre senza parla senza capì
Facenno finta e capì.
“dico sulo quello che penso”
Si ma nun piense a chello ca stai dicenno
A chi sto facenno male
E pecchè o sto facenno
Pecchè so intelligente, assaie…
Voglio essere scemo
Nun voglio sapè cchiu niente
Me so scucciate a essere intelligente!!!!

Angelo Tomasetta

Danzerò per te

Giovedì 29 Gennaio 2009

Danzerò per te
 
Danzerò per te nelle tenue ombre del cuore
sospingendo i colori oltre gli angoli oscuri,
e lo farò tra poco, nelle luci di un acquarello
che sfida l’argomentare del tempo.

Basterà congiungere il mio corpo
al tuo nel naturale movimento della vita
cospargendolo di albe e tramonti,
tra le convinzioni di questa mano
che mi dipinge nel creato dei vivi.

Ondeggerò nelle tinte del tuo sentimento
chinando il capo alla maestosità
del sopraggiunto amore, muovendo
i piedi in piccoli passi ,
ma ora basta parole
lascia che io prenda il volo
e tempo che io sia con te.
Enrico Carlostella

L’Albero delle nostre parole

Mercoledì 28 Gennaio 2009
L’Accademia in Europa di Studi Superiori
La Libera Accademia dei Sogni e delle Nuvole
ARTECOM-onlus
La rivista FOLIVM                                                   
La Libreria Fuorilemura-Roma
PRESENTANO
L’ALBERO DELLE NOSTRE PAROLE
Rassegna Internazionale di Poesia e Scrittura Contemporanea
a cura di EUGENIA SERAFINI
con la partecipazione di Nicolò G. Brancato e Umberto M. Milizia
Anno Accademico 2008/2009
16 FEBBRAIO 2009, ore 18,00 
 
“GAZA BUM BUM ! ! ! “
I POETI E LA STORIA
 
READING DEI “POETI AMICI DELL’ARTECOM-ONLUS”
 che a fine lettura appenderanno i FOGLI/FOGLIE ALL’ALBERO DELLE NOSTRE PAROLE
 
Presentazione del libro di Pilar Anita Quarzèll, Manuel, contrabbasso veliero, Roma, 2008
RIPRESE VIDEO DI VINCENZA SALVATORE
 
Brindisi e Saluto finale
 
Libreria Fuorilemura, Via dei Reti, 54-56, Roma, Ufficio Stampa Artecom-onlus, 338.78515 fax 06.4462438 - www.artecom-onlus.orgwww.eugeniaserafini.org

Ti cerco

Martedì 27 Gennaio 2009

Ti cerco

ti cerco nel pulviscolo di stelle

che dalle imposte alterna luci e ombre

e quando in casa il silenzio si fa duro

ti cerco dove il vento fischia e canta

ti cerco per acquietar l’incerta notte

tra le coperte nostre amiche un tempo

ma quando all’alba il tuo saluto manca

la mente spegne l’innocente luce

Paolina Carli

Festival cinema libero 2008

Martedì 27 Gennaio 2009

 

Piccolo cane nero vince  Miglior sceneggiatura.
Paolina Carli consegna il premio al regista Danilo Caracciolo

(more…)